venerdì 14 ottobre 2016

L'avvocato LAURICELLA

Io ho un collega, l'avvocato Lauricella, che negli anni si è trasformato magicamente in amico e oggi in fratello maggiore che, però, in questo momento proprio non sopporto. 
Lo sport preferito del mio amico e dei suoi simpatici "collaboratori", infatti, è quello di sottolineare le mie presunte mancanze in ambito culinario... 
E' vero, lo ammetto da un bel po' non scrivo, ma GIURO che continuo a cucinare, ed anche tanto, eppure i miei sforzi non vengono apprezzati!
Da quando è nata mia figlia riuscire ad organizzare tutto è diventato impossibile ... mi sento una funambola sempre in bilico tra tre, quatto impegni e man mano che Emilia cresce tutto diventa sempre più difficile.
Nonostante tutto con dedizione mi dedico a tutto e a tutti. 
Dire di no non è il mio forte per cui quando Lauricella mi chiede un dolce ed io non riesco a farlo mi sento profondamente in colpa. 
Il senso di colpa, però, non è nei suoi confronti ( per lui meglio il digiuno che le abbuffate), ma nei miei confronti. 
Perché non riesco più ad organizzare il mio tempo?
Dov'è finita la Monicuzza che riusciva a cucinare, fotografare il cibo e scrivere due parole di accompagnamento?
Dov'è andata a finire la voglia di sperimentare?
Comunque nonostante tutto tra mille peripezie io i dolci riesco ancora a cucinarli, anche per l'avvocato amico, e quando lo faccio vorrei sentire qualche parola gentile, non solo fatti (come ama dire lui) perché alla volte una frase di apprezzamento può aiutare ed incentivare chi ti sta davanti molto di più di vedere un piatto ripulito. 
Infine, è vero che io ho poco tempo per cucinare ma è anche vero che l'avvocato amico è sempre a dieta ... le richieste di cibo sono quindi volte solo ad alimentare un continuo sfotto che ha ROTTO!!!

4 commenti:

  1. L'avvocato Lauricella non commenta le leggende sulla capacità culinaria di Monica, però, a questa bellissima favola dell'amico che non apprezza bisogna aggiungere che l'unico piatto che l'amico-fratello maggiore ha mai avuto preparato dopo lunghi anni di estenuanti e multiformi richieste, è stato una specie di dolce alla crema pasticcera, che a detta della stessa avvocatoincucina non è venuta benissimo.
    Quindi mi sarei aspettato che il profondo senso di colpa avrebbe fatto da leva per preparare un piatto o dolcetto migliorativo. Ma non solo ciò non è mai accaduto ma adesso il fratello-amico dovrebbe pure tollerare lo sbeffeggiamento di dovere essere mostrato come uno che non si accontenta mai.
    Ma di cosa dovrei essere contento e soddisfatto?
    In 6 anni solo 1 dolcetto piccolo con crema così così...(commento dell'avvocatoincucina).
    Meditate gente!!!

    RispondiElimina
  2. Continuo il precedente blog e aggiungo che la cattiveria dell'avvocatoincucina è stata doppia.
    Quel famoso dolce con crema pasticcera un pò gay, avrebbe dovuto sfamare anche i miei simpatici collaboratori, tra i quali c'è l'ormai famosissimo "picciriddo" che ha sempre fame.
    Orbene, se mostrassi in questo blog la fotografia delle dimensioni di questo ormai famoso dolcetto rabbrividirebbero tutti.
    Quindi non lo farò per rispetto della sensibilità dei lettori.
    Della serie che se conosci avvocatoincucina è meglio che ti vai a comprare lo sfincione o la pizza al taglio perchè non cucinerà MAI per te e quando deciderà di farlo ti chiederai: Ma a chista cumu ci spercia di farsi dare la 'nciuria di avvocatoincucina?
    Continuate a meditare gente...

    RispondiElimina
  3. E' la prima volta che vengo offesa nel mio blog e quando a farlo è un amico, definito fratello, è tutto molto più triste.
    Ti perdono solo perché ogni sera quando torni a casa trovi insipide minestre riscaldate che non possono certo soddisfare il tuo incontenibile appetito.
    Il "picciriddo" o Baby Cri ha gustato e apprezzato il mio lungo e corposo tronchetto al limone...
    Domani se vorrai potrai ritirare una crostata tutta per te dopo avere letto il blog e la ricetta.
    Verrai? Non credo prima perché sei uno che sa solo straparlare, due inventerai la scusa che sei a dieta, terzo pretendi che i dolci si materializzino alla tua porta.
    P.s. quelli che scrivi sono post e non blog... difficile per la tua generazione stare al passo con i tempi vero?

    RispondiElimina
  4. Per i cari lettori io sono "u picciriddu" ovvero "il bambino" (23 anni per 1 metro e 90...e già).
    Non fatevi impressionare, gli avvocati sono tanto tanto teneri, è tutta scena!
    Per la cronaca i dolci di Monica sono buonissimi e l'Avv. Lauricella lo sa, anche perchè abbiamo apprezzato insieme (e divorato..) il famoso tronchetto.
    Però è anche vero che Monica non viene a trovarci in studio da tanto, e ci manca la sua allegria, i suoi dolci, e i (discutibili) cappelli per ripararsi dal freddo pungente che soffre in studio (temperatura media 26.5 gradi...).
    Un abbraccio ai miei insostituibili avvocati e un saluto ai cari lettori (abbiate pazienza..)!!!

    RispondiElimina